prosecco cavicchioli

Cavicchioli 1928, un’Azienda unica come il suo vino

La storia diventa tradizione quando il percorso del tempo è illuminato dallo stile.
Da più di ottant’anni Cavicchioli e il suo stile illuminano la strada di un vino unico.

Correva il 31 Dicembre 2015 e noi (io e la mia compagna) eravamo quasi pronti a festeggiare (lontano da feste e bordelli vari) l’ultimo giorno del 2015 e a dare il benvenuto al 2016…

Che poi boh, cosa ci sarà mai da festeggiare all’ultimo dell’anno, me lo sono sempre chiesto. Ma questa, è un’altra storia, forse raccontata sul mio vecchio blog.

Ma veniamo ai fatti, alla “ciccia”, come dice Claudia.

Tardo pomeriggio del 31 Dicembre 2015. Mentre l’arrosto finisce di cuocere e la lenticchia è in padella sul fuoco vivo, decidiamo di aprire la prima bottiglia dell’arsenale preparato per la serata.

Dopo un’attenta valutazione dei potenziali, la scelta cade sulla  bottiglia di “Pignoletto Cavicchioli”, messa in fresco per “aperitivizzare” prima della cena.

Libero il tappo, stappo, verso nei bicchieri e siamo pronti al primo brindisi ma… il sapore di questo vino spumante brut che spesso abbiamo avuto modo di apprezzare, ci lascia subito un po’perplessi. Insomma, non siamo dei sommelier, ma questo sapore non ci piace proprio.

Mandiamo giù ancora qualche sorso, riempiamo di nuovo il bicchiere, ma niente; il “saporaccio” rimane e non c’è niente da fare: questo Pignoletto non sà da fare, rimarrà buono per cucinare!

E allora, mentre apriamo un’altra bottiglia dalla “riserva” e la cena continua ad andare sui fornelli, mi armo di IPhone, vado sul sito di Chiavicchioli e dal form di contatto esprimo il nostro “disappunto”… insomma non è la prima bottiglia che prendiamo e ci sembra comunque giusto informare l’azienda.

I mesi passano (due per l’esattezza) ed ecco che una mattina squilla il telefono dell’ufficio “Buongiorno signor Angeletti, la contatto per la sua segnalazione riguardo ad uno dei nostri vini. L’azienda sarebbe ben contenta di farsi perdonare inviandole del prodotto “.

Nello stupore più assoluto, lascio i miei dati all’addetto e, avvisata Claudia della cosa, rimaniamo in attesa di ricevere quanto “promesso”, che non si fa aspettare più di tanto: il giorno dopo riceviamo, tra lo stupore ed il gaudio, un cartone con 6 bottiglie (dico 6 bottiglie, non una o un paio “tanto per“) di Pignoletto Cavicchioli con annessa lettera di scuse per la malcapitata bottiglia.

Apri il cartone e….taaaaaac!

E allora subito in fresco la prima bottiglia e, una volta raggiunta la temperatura giusta, siamo pronti a stappare e a brindare alla salute di un’azienda seria e molta attenta alle segnalazioni dei clienti.

Brindisi alla salute di un’Azienda attenta al cliente

Non come quelli di “Pino Silvestre” che mi avevano chiesto di spedirgli il prodotto difettoso (che ci aveva anche inondato tutta la spesa settimanale) a spese nostre; spese che poi mi avrebbero rimborsato con del prodotto “omaggio”. Naturalmente non gli ho mai spedito il prodotto e soprattutto non ho più acquistato, e mai più acquisterò, un prodotto dell’azienda che è proprietaria di “Pino Silvestre”.

Annunci

Un pensiero su “Cavicchioli 1928, un’Azienda unica come il suo vino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...